The superb moment when the mirror starts asking

Istruzioni per CAMBIARE LINGUA

Stacks Image 185
Per Gli Utenti Italiani:
Per passare alla versione italiana, passa il Mouse sopra alla scritta "Italiano", quando disponibile, e il testo apparirà nella versione Italiana. Buona Lettura!

English

Questions & Answer…

A self-made interview, useful… more for me than for others…

Q: Is Luca Bash an stage name? And why Bash?
A: I don’t like alias names. However, when I joined my first “songwriter festival” in 2006, the song was “Dear John”, written, obviously, in English. During my registration the festival secretary asked what kind of stage name I had. My Italian surname, especially if read by an anglo-saxon person, is not easy to pronunciate, and difficult to remember. Bash came to mind as it was a nickname a friend of mine from naples used to call me, especially when playing poker. The choice was easy and spontaneous. Only subsequently I read about its meaning in english. Fortunately the meaning was a good fit.
Q: What is “Art” for you?
A: Difficult to answer. The answer deserves an entire site, or more, but I will be as concise as possible. I believe “Art” is strictly connected to “artist”, and not vice versa. Today a lot of “artists” are entertainers. In other words, they use great artistic skills and techniques to entertain the audience, who generally pay for this. But in my opinion they are not “artists”.
Being an “Artist” starts from reading and understanding this world and/or what you see with “your own peculiar” eyes and heart. The next step to complete your profile as an “artist” is to create something, using skills and artistic techniques, to express “your own way of seeing” as well as “what you see”, in order to share your feelings. Entertaining is a secondary need for an artist, I believe.
In other words, an artist’s success is not measured by the number of people that “like” what he does, but by finding at least one who catches, perceives, understands and recognizes exactly the feelings that the artist wants to communicate (except mum and dad, of course).
Q: Nowadays, how do you consider the state of music production?
A: Today the price tag for a song is zero. It is free. Prices are the “material” value markets give to a product. But it is also determined by the availability of this product. If the value were set at 100, but one can easily find it for 50, then the real price is 50. Today there are a lot of sites which allow to download the mp3 of a music video on Youtube for free, and they are legal. So the price tag is 0. And this causes a lot of problems, not for the survival of the art but for its development and research.
Q: Is it possible to conciliate web availability and file exchange with authorship rights?
A: oh, It is not a question to ask me (that’s funny… it is a self interview! anyway…). Yes, maybe yes. Probably the solution is not in the price for the property exchange of a good (in this case, a file) but it lies in the trade and file transfer. Any “web sailor” who needs a song has to search for it. It means that somewhere there are sites or P2P softwares that allow to find the product. It means a file can be connected to the author. Then he needs to download it. In that moment it is a private use from private use, but the moment of transfer is where the author’s right should be respected and paid. Extending this concept, the “system” has to let the software owner pays for the service they guarantee, because they let this file move between private owners. If you “tax” these softwares for the amount of transfers they permit, you could redistribute the income to artist associations. After a few seconds the software owners will be obliged to put advertisements banner/services on their interfaces or they will be forced to ask “web sailors” for a payment subscription. The solution will be not to ask money directly to the “final users”, but to the providers of the service. They will react in the way they prefer. Basically it should work like the Tobin tax.
Q: Do you watch or like the new reality Tv offerings?
A: No, from an “artistic” point of view. Yes in terms of entertainment. The art “standardization” is a permitted poison. It is useful to find new good entertainers in a “democratic” way. It creates one year “artists”, superseeded by the next years “artists”. In economics, in the business portfolio’s matrix, these are called short term “Cash Cows”. This includes the need to rehash the same work. In the same matrix an “artist” should be initially a “Question Mark”, then a “Star”. If they are good, they will be a long term “Cash Cow”. Currently they prefer an entertainer that is an instant success.
Q: The Question that is a “must” for a songwriter: do you write the lyrics first, or the music?
A: Yes, this is a typical question people ask, and they generally ask this when a song surprises them. Well, in my case, lyrics are the last “task”, when I write a song. Basically because I don’t know what that song will speak about, until I can listen to it by playing my guitar. The process is quite easy. I “stumble” on “something” that I like, playing my guitar (driven by my love for music, and not by a “meaning” to reach). Then I sing using a “false” language, similar to english. When I feel satisfied as a “music listener” I ask myself: what does my mind imagine or feel when I listen to this? The answer is the meaning of the song. All those meanings are described for each song in the “Lines” chapter in this site.
Q: Do you like playing live?
A: oh, yes. Sadly I work a lot and I can dedicate only 1% of the time I would like to reserve for my music. But yes, It is an important part of this passion.
Q: What is the most interesting or satisfying memory regarding your music?
A: Oh, well. That memory is the reason why I’m doing all the things you see here. It was 2006, when I won the Festival della canzone di Piombino. The song was “Dear John”. Before the final part I make a pause after a B7, followed by a G. During my second exhibition, after the jury chose me as the winner, I played the song again, to close the Festival. There were around 800-1000 people in the plaza. When I reached that point of the song, the crowd was quite and the silence was incredible. But a young female voice (I didn’t see her face because of the stage lights in front of my eyes) screamed aloud “Bravo”, and, despite the fact that I was playing, I heard her. I still remember the shivers. I was unknown, playing a song unknown as well, but able to give emotions. This is the reason why I still compose. For that young girl.
Q: What does the future hold?
A: I don’t know. I mean, I will always invest in my education, new things, new activities, etc. What I want is only to go on being myself and do “stuff”. I do not want to start “floating” in this life waiting for a miracle or for the end. Till now I have been lucky in everything. I hope it will continue in that way.
Q: Why is the Home section of your website called “Hideout”?
A: Because my home and my job are connected with my “normal” and “diligent” life. A songwriter needs a lair. The web gives everybody this great chance to project to an undefined crowd what you are. This makes you free, in my opinion. That’s why it is more like an “hideout”, than a “home”.
Q: What is your favorite artist?
A: I like Dave Matthews. I chose guitar as the way of my artistic expression by listening to the way he composes and plays guitar. I was mesmerized by “Live at Luter College” and the following albums I bought since 1999. I also love the way DMB approaches the arrangements. I also listen to John Mayer, Tower of Power, Damien Rice, Metallica, Eric Clapton, Janis Joplin, Nina Simone, and a lot of artists. Beyond music I love sculpture.
Q: Do you miss Rome?
A: I love my city. I left in the 2006 and I’m still moving for work. But I miss Rome, yes. Sadly, I don’t miss it for living and working. Traffic, confusion, chaos are terrible. I miss the roman atmosphere and the way romans read and understand the world around them.

Italiano

Questions & Answer…

Un'intervista auto-condotta, giusto così… per farmi due domande

Q: Luca Bash è un nome d'arte? e perché Bash?
A: Non mi piacciono gli Alias. Ad ogni modo, quando ho partecipato al mio primo Festival/Concorso nel 2006, la canzone in gara era "Dear John", in Inglese. Durante la mia registrazione al Festival, la segretaria mi chiese che tipo di nome d'arte avevo scelto. Il mio cognome Italiano, specialmente se pronunciato d una persona anglosassone, non è facile da dire e da ricordare. Bash mi venne alla mente poiché era il diminutivo che una mia amica da Napoli mi aveva dato, specialmente giocando a Poker. Solo successivamente ho letto il suo significato in inglese. Fortunatamente, il suo significavo non era male… ma sono stato fortunato.
Q: Cos'è l'Arte per te?
A: E' difficile rispondere a questa domanda. La risposta meriterebbe un sito intero, o più, ma proverò ad essere più sintetico che posso. Io credo che "L'Arte" sia strettamente collegata al significato di "Artista", e non vice versa. Oggi tanti "artisti" sono in realtà intrattenitori e personaggi atti al concentrarsi nel mondo e nel modo dello spettacolo. In altre parole, questi usano doti ed abilità straordinarie per intrattenere il pubblico, il quale paga per questo. Ma, secondo me, questi "personaggi dello spettacolo" non sono artisti. Essere un "Artista" parte dal leggere e comprendere questo mondo e/o quello che vedi con i tuoi "particolari occhi" e con il tuo cuore teoricamente "diverso", con il fine di condividere quello che vedi. "Intrattenere", che parafrasando significa far passare un buon momento al tuo pubblico, credo sia un bisogno secondario per un artista.
In altre parole, il successo di un artista non deve essere misurato dal numero dei suoi "follower" che godono di quello che fa, ma è trovare almeno una persona che carpisce, percepisce, comprende e riconosce esattamente le sensazioni che l'artista vuole comunicare.
Q: Oggi, come consideri e valuti la situazione della Musica?
A: Oggi, il prezzo per una canzone è pari a 0 €. Il prezzo è il valore "materiale" che il mercato assegna ad un prodotto. Ma è anche determinato dalla disponibilità di questo prodotto. Se il suo valore fosse fissato a 100€, ma chiunque può facilmente trovarlo a 50 €, allora il reale valore di mercato è 50 €. Oggi co sono molti siti che permettono di scaricare l'audio MP3 da un video Youtube gratis, è sono siti non perseguiti, ergo legali. Quindi, il prezzo della canzone è 0 €. E questo causa problemi, non tanto per la sopravvivenza dell'arte in generale, ma rappresenta di fatto un vincolo al suo sviluppo e ricerca.
Q: E' possibile conciliare le nuove metodologie di scambio di file musicali con il diritto d'autore?
A: Oh, beh, questa non è una domanda da fare a me (ahahah… questa fa ride, è una auto-intervista, comunque…). Si, forse si. Probabilmente la soluzione non è il prezzo il lo scambio di proprietà di un bene (in questo caso, un file) ma risiede nello scambio dello stesso file. Ogni "navigatore" del web che necessità di una canzone deve cercarla. Questo significa che in un posto sperduto ci sono software o siti che permettono di trovarlo. Questo inevitabilmente significa che è possibile collegare il file al suo autore. Successivamente, egli ha bisogno di scaricarlo. In quel momento è un passaggio da uso privato a uso privato, ma il momento del trasferimento è il punto in cui i diritti dell'autore dovrebbero ricevere il rispetto dovuto e pertanto pagato. Estendendo il concetto, il "sistema" deve permettere che il proprietario del software paghi per il servizio e la quantità del servizio che offre, poiché permettono che il file, coperto da diritto d'autore, passi da un proprietario all'altro, indipendentemente dallo scopo di utilizzo. Se tu tassassi questi software per l'ammontare dei trasferimenti che loro permettono, si potrebbe ridistribuire l'introito tra le organizzazioni in tutela d'autore. Dopo pochi secondi i proprietari dei software in oggetto saranno costretti a chiedere ai proprio iscritti una tassa o abbonamento, oppure sfruttare la pubblicità e quant'altro, per generare la possibilità di pagare e fare profitto. In sintesi secondo me il segreto non è chiedere i soldi all'utente finale, ma ai provider del servizio. Loro reagiranno nel modo che preferiscono. Fondamentalmente, funzionerebbe come il principio della Tobin Tax.
Q: Hai l'abitudine di guardare i reality show che oggi la tv offre?
A: No, da un punto di vista "artistico". Si, di tanto in tanto, in termini di spettacolo e intrattenimento. Trovo utile trovare nuovi viìolti per l'intrattenimento e lo spettacolo in un modo "democratico". Questo crea un nuovo artista "annuale", surclassato poi dall'artista del nuovo anno. Da un punto di vista economico, nella matrice del portfolio di business, queste linee sono chiamate "cash Cows", vacche da mungere. Questo include la necessità di rigenerare lo stesso business ogni anno. Nella stessa matrice, un artista dovrebbe essere un business inizialmente chiamato "question mark", poi un "star" e alla fine una "Cash Cow". Attualmente l'industria dello spettacolo ha trovato modo dicreare "cash cows" annuali, senza passare per gli investimenti che un "question mark" richiede.
Q: Domanda tipica per un cantautore: inizi prima dalle parole o dalla musica?
A: Si, in effetti è una domanda tipica che le persone fanno, e generalmente la fanno quando una canzone li sorprende. Beh, nel mio caso, i testi sono l'ultima cosa che sviluppo. Fondamentalmente perché non so di cosa la canzone parlerà fino a che non posso sentirla suonata sulla mia chitarra. il processo che segue è abbastanza semplice. Inciampo su qualcosa che mi piace a livello armonico e musicale, suonando la chitarra (mosso dal mio gusto musicale e non da un significato da raggiungere). Poi canto la canzone in un falso inglese. Quando sento che sono soddisfatto dal risultato come fosse un ascoltatore, mi chiedo quale immagine nella mia mente comprare quando ascolto quanto ho composto. la risposta diverrà il significato del brano. Tutti i significati che ho voluto esprimere con le canzoni sono riportati in questo sito, nel tab "Lines".
Q: Ti piace suonare Live?
A: oh, yes. Sadly I work a lot and I can dedicate only 1% of the time I would like to reserve for my music. But yes, It is an important part of this passion.
Q: Qual è il più interessante o soddisfacente momento riguardo alla musica?
A: La memoria è forse il motivo per cui sto facendo tutte le cose che vedete in questo sito. Era il 2006, quando vinsi il Festival Internazionale di Piombino. La canzone fu "Dear John". Prima della parte finale del pezzo faccio una pausa nel cantato dopo un Si7, seguito da un Sol. Quando raggiunsi questo momento del brano, al momento della pausa, la folla rimase in silenzio creando un atmosfera incredibilmente affine al brano che stavo cantando. Ma una voce di una giovane ragazza interruppe il silenzio (non riuscii a vederla date le luci che avevo in faccia, ma ricordo ancora oggi la sua voce) con un "Bravo!" urlato a squarciagola. Nonostante fossi concentrato nel suonare, la sentii. Ricordo ancora i Brividi. Ero uno sconosciuto, che cantava una canzone sconosciuta anch'essa, ma capace di dare un'emozione. Questa è la ragione per cui ancora oggi compongo. Per quella giovane ragazza.
Q: Cosa vedi nel tuo futuro?
A: Non lo so. ossia, sarò sempre interessato nell'investire nella mia istruzione, in nuove cose, nuove attività, ecc. L'unica cosa che desidero è essere me stesso e fare "cose". Non mi va di iniziare a "galleggiare" in questa vita, aspettando un miracolo o la fine. Per ora sono stato fortunato in ogni cosa. Spero di continuare su questa strada.
Q: Perchè la Home page di questo sito l'hai chiamata "Hideout"?
A: Perchè la mia casa e il mio lavoro sono collegati alla mia vita "normale" e "diligente". Un cantautore ha bisogno di una tana. Il Web da ad ognuno questa grande possibilità di nascondere ad un'indefinita folla cosa tu sei. Questo ti rende libero, secondo me. E questo è il motivo per cui il sito è chiamato "Hide out", ossia "nascondiglio", e non "casa".
Q: Chi sono i tuoi artisti preferiti?
A: Mi piace la musica di Dave Matthews. Scelsi la chitarra come il mezzo con cui esprimermi con l'ascoltare il modo di comporre di Dave Matthews, nel suo "live at Luter College", e seguendo i suoi album a partire dal '99. Amo anche il modo in cui la DMB approccia gli arrangiamenti. Ascolto anche John Mayer, Tower of Power, Damien Rice, Metallica, Eric Clapton, Janis Joplin, Nina Simone, e molti artisti. Oltre la musica adoro la scultura. Provai e studia come scolpire, ma non sono portato.
Q: Ti manca Roma?
A: I love my city. I left in the 2006 and I’m still moving for work. But I miss Rome, yes. Sadly, I don’t miss it for living and working. Traffic, confusion, chaos are terrible. I miss the roman atmosphere and the way romans read and understand the world around them.